screenshot_4

 

Si arresta subito alla prima giornata il cammino delle Aquile ai Playoff, battute sul campo di casa dai Wolverines Piacenza. Eppure la partita si era aperta nel migliore dei modi, con le Aquile che segnano al primo drive offensivo, grazie ad una lunga corsa di Ferrari. Gli ospiti non si lasciano però intimorire, e approfittando di un momento di buio degli estensi, si portano per ben tre volte in endzone, grazie a due pass di Amadasi per Chiatante e Gorlani e ad una corsa di quest’ultimo. Le Aquile accorciano le distanze con un pass di Romagnoli sempre per Ferrari, ma i Piacentini allo scadere del secondo quarto riescono a segnare un Field Goal importantissimo. Le due squadre vanno quindi al riposo con i Wolverines che conducono per 21 a 14. Nella seconda metà sono gli ospiti a segnare per primi grazie ad una corsa di Chiatante, ma è immediata la reazione delle Aquile: Romagnoli trova Mingozzi con un pass profondo che gli consente di involarsi indisturbato in touchdown. Approfittando di alcune disattenzioni difensive dei padroni di casa, i Wolverines segnano nuovamente per via aerea, con Amadasi che lancia per Gorlani; il terzo quarto si chiude quindi sul 36-28 per i Piacentini. L’ultima frazione di gioco si apre con Mingozzi che segna nuovamente su un ottimo pass di Romagnoli, portando il risultato sul 36 pari grazie alla trasformazione da 2 punti. E’ il momento della verità: le Aquile sono in rimonta e con l’inerzia della partita dalla loro parte, ma invece arriva pronta la risposta degli ospiti, che segnano grazie ad una corsa del quarterback Amadasi; segnando il PAT si portano sul 43-36. La difesa delle Aquile ha un sussulto e si rende protagonista di un’azione spettacolare: Sicignano raccoglie un fumble nella propria metà campo e si invola verso l’endzone; quando ormai si vede braccato dagli avversari, scarica un passaggio laterale per Bonazzi che può correre liberamente in meta. La trasformazione da due punti però fallisce, lasciano le Aquile ad un maledetto punto dai Wolverines, che riusciranno a mantenere il risultato invariato per i pochi minuti restanti. Finisce quindi 43-42 e con questo risultato si chiude anche la stagione delle Aquile. Sul risultato pesa certamente l’assenza del quarterback titolare Paiuscato, ma gli estensi sono stati penalizzati anche dai troppi errori nei momenti cruciali della partita, con gli ospiti che invece sono stati abili a capitalizzare in fase di attacco.
Un po’ di commozione nello staff delle Aquile alla fine di questo match, che mette fine a un campionato segnato da mille difficoltà, prima tra tutte l’auto-retrocessione dalla prima alla terza divisione. Resta la soddisfazione di aver visto nascere un gruppo con molti giovani alla prima esperienza, supportati da veterani che si sono messi al servizio della squadra, spesso rifiutando offerte da categorie superiori. Le Aquile torneranno a volare, molto presto.

FB_IMG_1496678961570